DISF Educational: allarga i confini del tuo sapere!

DISF Educational: allarga i confini del tuo sapere!

La teoria del Big Bang esclude quella della creazione? In laboratorio c’è posto per Dio? Perché la morte? La mente umana sarà rimpiazzata dall’intelligenza artificiale? Sono queste alcune delle “Grandi domande” che continuamente si pongono scienziati, filosofi, teologi, e anche noi comuni mortali. In alcuni casi ci sono delle risposte assodate e condivise pacificamente. In altri il dibattito è ancora aperto e molto forte.

Per orientare e guidare al meglio, nell’insegnamento scolastico, il rapporto tra pensiero scientifico, filosofia e religione cattolica, nasce una nuova piattaforma didattica, DISF Educational , pensata appositamente per docenti e studenti delle scuole superiori.

Si tratta di una nuova piattaforma digitale che offre specifici strumenti teorici e operativi sia ai docenti sia agli studenti delle scuole secondarie. La piattaforma è al momento solo in italiano, gratuita e senza pubblicità. Offre degli specifici percorsi tematici organizzati in cinque aree didattiche per un approfondimento sui grandi temi della scienza, della filosofia e della religione. La piattaforma offre anche dei video , con testimonial di eccezione, per dare spunti di riflessione e di orientamento.

Quali sono gli obiettivi della piattaforma DISF? La formazione dei giovani prima di tutto. Il sito intende dotare la scuola italiana di uno strumento che aiuti ad affrontare i principali temi di attualità interdisciplinare che coinvolgono il pensiero scientifico, la filosofia e la religione cattolica.

Il Progetto DISF Educational, promosso dal Centro di Documentazione Interdisciplinare di Scienza e Fede (disf.org) e sostenuto dalla Conferenza Episcopale Italiana, è frutto della collaborazione di oltre 30 docenti e ricercatori.

Auspichiamo, e incoraggiamo ai promotori, che il portale sia reso disponibile in altre lingue nel prossimo futuro. I docenti e gli studenti di altre culture linguistiche ne sarebbero avvantaggiati.

Hits: 117

Nessun commento ancora

Lascia un commento